Home Page dell'IReR /Abstract delle ricerche IReR
[Classificazione alfabetica] [Classificazione gerarchica]

[2000] Finanziamento del processo di decentramento (oneri Bassanini) e impatto sul bilancio. Seconda fase

Gruppo di ricerca: Alberto Ceriani (project-leader), Enrico Flaccadoro (Centro Europa Ricerche) IQ Option http://www.iqoption.tw/ 在台湾

Committente: Regione Lombardia, D.G. Bilancio e controllo di gestione

Periodo di svolgimento: febbraio 2000 - dicembre 2000

Dati di pubblicazione: IReR - Rapporto di Ricerca

L’obiettivo di questa seconda parte del lavoro è quello di verificare gli effetti sulla ripartizione tra realtà regionali delle risorse destinate al finanziamento delle funzioni trasferite con i decreti di attuazione della Bassanini nel caso di una loro inclusione tra le risorse che in base alla recente riforma verranno trasformate in compartecipazione delle Regioni ai grandi tributi erariali.
All’inizio dell’anno 2000, con l’emanazione da parte del Governo del decreto legislativo 56/2000, è stata data attuazione a quanto previsto dall’articolo 10 della legge 133/1999. Con il decreto è stato completato il ridisegno del sistema di finanziamento della finanza regionale. Si tratta di una struttura che dovrà trovare applicazione a partire dal 2001 ma che a distanza di pochi mesi dalla sua approvazione rileva già alcuni problemi e richiederà sicuramente un aggiornamento delle aliquote di compartecipazione. Le modifiche apportate vengono considerate come premessa del lavoro e in apertura la ricerca fornisce una rappresentazione del nuovo sistema così come si configura a seguito dell’intervento normativo.
Nella seconda parte ci si sofferma, in particolare, sugli effetti di una revisione del gettito atteso dall’Irap e dell’adeguamento dei trasferimenti sanitari soppressi che tiene conto di una revisione degli importi per la sanità concordata lo scorso agosto e più aderente agli effettivi fabbisogni. Si tratta in particolare di rivedere l’ammontare dei trasferimenti e valutare quindi la tenuta del sistema rispetto alle esigenze poste dai nuovi fabbisogni. Tale variazione, a parità di altre condizioni, provoca conseguenze non insignificanti sull’intero sistema di convenienze delle Regioni: diverso è infatti l’impatto del processo di riforma a seconda che il rilevato minor introito venga compensato da un ampliamento della compartecipazione IVA o Irpef.
Una terza parte contiene una revisione del modello finanziario sulla base delle nuove spettanze regionali per i DPCM Bassanini approvati. A partire dal 2001 le regioni assumeranno i nuovi compiti e opereranno in base alle risorse individuate nel corso della predisposizione dei decreti di attuazione. Per un periodo transitorio di tre anni i finanziamenti saranno erogati dallo Stato per mezzo di trasferimenti, a regime si dovranno finanziare con risorse proprie. Si potranno così porre a confronto la situazione “storica” rispetto a quella a regime calcolata in base alla capacità fiscale. Si valuterà quindi la tenuta del sistema rispetto alle esigenze poste dai nuovi fabbisogni ripartiti per ora in base a criteri eterogenei. Il rapporto include una stima delle risorse necessarie per le materie che non hanno trovato una definizione condivisa tra Stato e Regioni. Nel valutare un adeguamento delle quote di compartecipazione si valuta l’effetto ottenuto utilizzando in via preferenziale l’addizionale IRPEF in quanto più sensibile alla crescita economica.
Una ultima parte è dedicata ad una prima verifica esterna del livello di trasferimento delle funzioni dalla Regione Lombardia agli enti locali e all’accertamento di eventuali ulteriori "spazi" di trasferimento. Al fine di analizzare se esistano ulteriori spazi di manovra per aumentare le competenze degli enti locali del territorio lombardo, risulta utile un’analisi comparata delle diverse scelte operate nella altre realtà regionali ricavabili da un esame dei testi normativi. L’analisi è integrata con una comparazione del testo regionale con il decreto legislativo di “esercizio dei poteri sostitutivi” riguardante le regioni inadempienti. In una appendice sono infine raccolti i contributi di analisi recentemente prodotti a commento del ridisegno varato con il decreto 56/2000 (2000A009; FIN, 19).

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2001
[Classificazione alfabetica] [Classificazione gerarchica]

Su